Iscrizioni Articoli

Inspiro, espiro, sorrido…

“ Quando bevi il tè, stai bevendo nuvole” è il titolo del libro che raccoglie gli insegnamenti offerti da Thich Nhat Hanh e da alcuni membri della comunità monastica di Plum Village durante il ritiro dal titolo “ La pace è ogni passo “, tenutosi a Castelfusano ( Roma ) verso la fine del marzo 2008.

Thich Nhat Hanh è un monaco zen vietnamita, poeta e costruttore di pace, candidato nel 1967 al premio Nobel per la pace da Martin Luther King e fondatore di Plum Village, la comunità di monaci e laici nei pressi di Bordeaux, nella quale  si insegna e si pratica l’arte di vivere in consapevolezza.

Riportiamo dal testo :

…Se sappiamo come portare l’attenzione all’inspirazione e all’espirazione, se sappiamo rilasciare le tensioni fisiche, se sappiamo entrare in contatto con il  momento presente, se sappiamo stare in contatto con le meraviglie della vita che abbiamo in noi e intorno a noi, allora siamo in grado di sedere in pace e felici. “Inspirando sono consapevole del mio corpo, espirando rilascio le tensioni nel corpo”. Questo è uno degli esercizi di respirazione che il Buddha ha raccomandato. Mentre inspirate, prendete consapevolezza della presenza del vostro corpo: ” Inspirando sono consapevole del mio corpo”. Una volta consapevoli del corpo forse notate che vi sono alcune tensioni, dunque decidete di permettere a quelle tensioni di andarsene, con l’espirazione. E’ un esempio semplicissimo che amiamo praticare all’inizio della meditazione seduta. Proviamo a farlo insieme: “Inspirando sono consapevole del mio corpo; espirando rilascio le tensioni del corpo”.

Un sistema che aiuta a rilasciare le tensioni fisiche è sorridere mentre si espira. Nella vita quotidiana noi accumuliamo e conserviamo nel corpo molta tensione, molto stress. Sappiamo che se la tensione e lo stress sono eccessivi possono venirci malattie di ogni genere; per questo è tanto importante imparare a rilasciare le tensioni fisiche. Potete rilassarvi e rilasciare le tensioni fisiche mentre stati seduti in treno o in autobus. Potete farlo anche guidando l’auto: quando arrivate al semaforo rosso potete cogliere l’occasione per appoggiarvi bene allo schienale, rilassarvi, sorridere al semaforo e lasciar andare ogni tensione del corpo.

…Quando inspirate potete prendere consapevolezza di essere vivi: se non foste vivi, non respirereste affatto. Dunque, inspirando, vi rendete consapevoli del fatto che siete ancora vivi, vi illuminate di questa realtà; espirando, forse, sorridete con piacere alla vita che  è in voi e intorno a voi. Questo è un altro esercizio, dunque: “Inspirando mi sento vivo; espirando sorrido alla vita in me e intorno a me”.

Diamoci un minuto per provare a fare questo esercizio e per festeggiare il fatto di essere ancora vivi, perché essere vivi è il più grande di tutti i miracoli! “Inspirando so di essere vivo; espirando sorrido alla vita”.

Quando pratico “ inspiro, espiro, sorrido” non faccio nessuno sforzo: godo l’inspirazione, godo l’espirazione, godo il fatto di essere vivo…forse abbiamo bisogno di un po’ di allenamento, per abituarci a farlo…

Impariamo a rilasciare le tensioni fisiche, impariamo a gioire della presenza del nostro corpo, della nostra inspirazione ed espirazione. Ogni inspirazione e ogni espirazione servono a farci prendere atto di essere vivi. E’ già “ illuminazione “, questa: prendere consapevolezza di essere vivi, che c’è vita in noi e intorno a noi. Sono così tante le persone che sono vive e non lo sanno! Quando praticate l’inspirazione consapevole all’improvviso vi rendete conto di essere vivi; espirando, festeggiate il fatto di essere vivi..”.

Articolo di

Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1979 presso l'Università degli Studi di Parma Specializzazione in Microbiologia nel 1982 presso l'Università degli Studi di Parma Dal 1980 al 2010 ha prestato servizio come medico di Laboratorio Ospedaliero presso l'Azienda AUSL di Reggio Emilia Nel 2009 - 2010 ha frequentato il 1° anno del Corso per medici di Medicina Ayurvedica Ayurvedic Point di Milano Attualmente iscritta all'Ordine dei Medici Chirurghi della provincia di Massa Carrara Risiede a Carrara ( MS )

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento